HomeComuni del VenetoCosa fare a Lozzo Atestino (PD): 3 idee

Cosa fare a Lozzo Atestino (PD): 3 idee

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare a Lozzo Atestino: il sentiero n° 5, la sagra di Sant’Anna, il castello di Valbona. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova Lozzo Atestino?

Il comune di Lozzo Atestino confina a nord est con Vo’, a nord ovest con Agugliaro, a sud est con Este, a sud ovest con Ospedaletto Euganeo, a est con Vo’, Cinto Euganeo e Baone, a ovest con Agugliaro e Noventa Vicentina.

Il sentiero n° 5

Per intraprendere il sentiero n° 5 potete lasciare l’auto nel parcheggio della chiesa dei Santi Leonzio e Carpoforo in Via Malusà, 1. Usciti da piazzale seguite Via Malusà, alla vostra sinistra, e procedete in salita fino ad arrivare ad un bivio. Tenete la destra e dopo circa 220 metri svoltate nella stradina alberata alla vostra destra che sbuca in Via Pegorile.

Tenete la sinistra e dopo circa 40 metri troverete alla vostra destra l’imbocco di una stradina che si snoda nel florido panorama collinare punteggiato di ulivi e ombreggiato da floride siepi di ailanti e acacie. La via si ricongiunge con Via Pegorile. Procedete verso nord per circa 100 metri fino all’intersezione con Via Sant’Antonio.

Se girate a destra

Procedete in salita fino all’intersezione con Via Viezzo.

Tenete la sinistra e continuate in salita lungo Via Viezzo per circa 100 metri fino a trovare alla vostra sinistra l’inizio dello sterrato che conduce alla vetta del colle dove sorge un sacello di pietra circondato da maestosi cedri. Coronato da una statua di san Giuseppe, l’edificio sacro è a base ottagonale e presenta una monofora a sesto acuto su ogni lato.

Il monumento sacro del XX secolo ed il pacifico scenario in cui è inserito sono una meta significativa per chi è alla ricerca di un’atmosfera silenziosa e incontaminata nella quale dedicarsi alla meditazione, alla lettura, alla preghiera, alla contemplazione della natura e del paesaggio fiabesco delineato dal gentile profilo dei colli boscosi.

Se girate a sinistra

Percorrete Via Sant’Antonio per circa 60 metri, poi svoltate a destra nel sentiero in terra battuta, accuratamente segnalato, che compie il giro completo del lussureggiante colle di origine vulcanica.

Se vi chiedete cosa fare a Lozzo Atestino, il sentiero n° 5 è un piacevole sentiero adatto anche ad escursionisti non esperti che regala vedute mozzafiato dei colli Euganei.

La sagra di Sant’Anna

Il giorno dedicato a Sant’Anna, madre di Maria di Nazareth, è il 26 luglio e la festa in suo onore si svolge anche nei giorni precedenti a questa data. L’edizione 2022 della sagra di Sant’Anna ha avuto luogo da venerdì 22 a martedì 26 luglio in corrispondenza della Parrocchia dei Santi Leonzio e Carpoforo.

In occasione della ricorrenza popolare, l’incantevole cittadina storica si anima di grandi aree di ristorazione in cui potrete assaporare squisiti piatti di mare e di terra, da appetitose fritture di pesce a succulente braciole, costine e salsicce alla griglia servite con fette di polenta ai ferri e croccanti patate fritte, per non parlare dei gustosi bigoli al ragù da abbinare a qualità vinicole autoctone e freddi boccali di birra, ideali per dissetarsi e lenire la calura estiva.

Per essere sempre aggiornati in merito alla tradizionale celebrazione è possibile consultare la pagina Facebook Sagra Sant’Anna Lozzo Atestino.

Se vi chiedete cosa fare a Lozzo Atestino, la sagra di Sant’Anna è un’occasione ideale per trascorrere la bella stagione all’insegna di musica dal vivo, parchi divertimento e specialità gastronomiche di prima scelta.

Il castello di Valbona

Situato in Via Castello, 2, il castello di Valbona è uno dei monumenti più rappresentativi del comune di Lozzo Atestino.

Armoniosamente inserito nel radioso scenario agreste a ovest del Monte Lozzo, il complesso difensivo duecentesco apparteneva in origine all’omonima famiglia discendente del casato dei Maltraversi.

Accessibile da ovest tramite un elegante ponte di pietra che collega le sponde erbose del fiume Bisatto, il fortilizio divenne proprietà della dinastia padovana dei Da Carrara nella seconda metà del XIII secolo, come attestato dal blasone, situato sopra il portale ovest, recante il simbolo del carro rosso su sfondo bianco.

Per approfondire la storia del sontuoso gioiello di architettura, oggetto nel corso del medioevo di aspre e sanguinose contese, si consiglia di visitare il sito castellodivalbona.eu. e naturalmente di esplorare in prima persona questa straordinaria meta culturale.

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Ad

Descrizione dell'immagine

Leggi anche

Ad

Descrizione dell'immagine