HomeComuni del VenetoCosa fare a Arquà Polesine (RO): 3 idee

Cosa fare a Arquà Polesine (RO): 3 idee

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare a Arquà Polesine: il Palio dei Ochi, giro in bicicletta a Arquà Polesine, il Castello Estense. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova Arquà Polesine?

Il comune di Arquà Polesine confina a nord con Rovigo, a nord ovest con Costa di Rovigo, a sud con Polesella, a sud est con Bosaro, a sud ovest con Frassinelle Polesine, a est con Rovigo e Bosaro, a ovest con Villamarzana.

Il Palio dei Ochi

L’edizione 2024 del Palio dei Ochi è prevista da venerdì 31 maggio a domenica 2 giugno nella spettacolare cornice del Castello di Arquà Polesine.

Se vi chiedete cosa fare a Arquà Polesine, l’allegra manifestazione popolare anima il cuore storico arquatese con spettacoli mozzafiato di acrobati, giocolieri, musici e sbandieratori, emozionanti coreografie pirotecniche, rievocazioni in sgargianti abiti d’epoca e scintillanti armature medievali, nonché locande ricche di invitanti e ghiotte pietanze degne di un re e di una regina!

Per maggiori informazioni in merito alla vivace ricorrenza tradizionale è possibile consultare la pagina Facebook PALIO DEI OCHI di Arquà Polesine.

Giro in bicicletta a Arquà Polesine e a Frassinelle Polesine

Il punto di partenza del giro in bicicletta è il parcheggio in Via Sant’Andrea, 119, in corrispondenza della chiesa di Sant’Andrea Apostolo. Dall’uscita del parcheggio svoltate a sinistra in Via Sant’Andrea. Lasciate alle vostre spalle la facciata della chiesa di Sant’Andrea Apostolo e attraversate Piazza Umberto I, dopodiché seguite Via Roma fino all’incrocio.

Svoltate a sinistra in Via Quadrivio del Popolo e dirigetevi verso l’ingresso del maestoso Castello Estense, poi svoltate in Via Castello all’ombra di un viale di pioppi che si estende lungo il fossato del complesso fortificato. Procedete per 650 metri in Via Castello, Via Vittorio Emanuele II e Via Giacomo Matteotti, dopodiché svoltate a destra e procedete a ovest in Via Condotti e Via Zoline di Vespara inoltrandovi nella silenziosa campagna marzanese punteggiata di caseggiati campestri.

Attraversate il ponte alla vostra sinistra in Via Antonio Gramsci e attraversate località Bastion, dopodiché tenete la destra e proseguite in Via della Repubblica e Via Cesare Battisti per 1,8 km immergendovi nella folta vegetazione di pioppi cipressini, aceri, salici, acacie e canne comuni lambite dal corso del Canalbianco.

Attraversate il ponte in Via 43 martiri, svoltate a sinistra e procedete per poco più di 4 km lungo la strada provinciale 23 costeggiando il Canalbianco, dopodiché superate il ponte di Conca Bussari alla vostra sinistra. Tenete la destra in Via Valmolin Superiore e procedete per 650 metri, poi tenete la sinistra e seguite Via Sbarrette Canale per 850 metri.

A questo punto tenete la sinistra in Via Giacomo Matteotti e continuate in Via Vittorio Emanuele e Via Castello, ripercorrendo a ritroso la strada per tornare al punto di partenza.

Se vi chiedete cosa fare a Arquà Polesine, questo itinerario è consigliato a chi desideri fare un giro in bicicletta piacevole e poco impegnativo alla scoperta dello straordinario patrimonio storico e naturalistico della pianura rodigina, da antiche dimore agresti e luoghi di culto millenari, come la chiesa di Sant’Andrea Apostolo e la Chiesetta di Sant’Antonio, a imponenti fortificazioni avvolte da un’aura di fascino e di mistero.

Il Castello Estense

Incastonato nel cuore urbano arquatese, il complesso architettonico medievale è armoniosamente inserito in vasto prato cinto da un fossato incorniciato da pioppi, cedri, magnolie e molte altre rigogliose piante d’alto fusto. Risalente alla prima metà del XII secolo, il possente sistema difensivo è accessibile tramite un ponte che conduce a una candida torre, al centro della quale si apre un grande portale centinato. A sinistra dell’ingresso si innalza una svettante torre merlata in mattoni a vista.

Caratterizzato da una disposizione a “L”, l’imponente insediamento militare include diversi ambienti di servizio e la dimora padronale, internamente ingentilita da incantevoli affreschi.

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Ad

Descrizione dell'immagine

Leggi anche

Ad

Descrizione dell'immagine