HomeComuni del VenetoCosa fare a Carceri in provincia di Padova: 3 idee

Cosa fare a Carceri in provincia di Padova: 3 idee

Scopri cosa fare a Carceri: Villa Carminati, giro in bicicletta a Carceri, il fiume Frassine. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova Carceri?

Il comune di Carceri confina a nord con Ospedaletto Euganeo, a est e a nord est con Este, a sud con Vighizzolo d’Este, a ovest con Ponso.

Villa Carminati

Situata in Via dei Camaldoli, 4, Villa Carminati fa parte dell’Abbazia di Santa Maria delle Carceri.

Articolato su tre piani, l’edificio presenta una pianta rettangolare ed è accessibile a nord ovest tramite un massiccio portale centinato in legno massiccio incorniciato da un elegante rivestimento bugnato. Al di sopra del portone si staglia una monofora ornata da un balcone aggettante e coronata da un arco a tutto sesto.

Sulla sommità della villa, in posizione mediana, si staglia un raffinato abbaino al centro del quale si apre una trifora ritmata da lesene. Le sei lesene sono sormontate da un timpano triangolare con cornici modanate aggettanti.

Se vi chiedete cosa fare a Carceri e siete curiosi di vedere coi vostri occhi questo sontuoso edificio e conoscerne la storia, visitare l’Abbazia di Santa Maria delle Carceri sarà un’esperienza indimenticabile!

Giro in bicicletta a Carceri

Il punto di partenza del breve itinerario consigliato è il parcheggio della sede comunale in Piazza Europa. Lasciate l’ingresso del municipio alle vostre spalle e svoltate a sinistra in Via Roma. Alla rotatoria prendete la prima uscita e percorrete Viale Camaldoli all’ombra di tigli fino a raggiungere la spettacolare mole dell’Abbazia di Santa Maria delle Carceri.

Svoltate a sinistra in Via Guglielmo Marconi e procedete fino all’incrocio, dopodiché svoltate a destra. Continuate lungo Via Chiesa, Via degora al di là e Via Cancello per 2 km, poi imboccate la pista ciclabile alla vostra destra, in salita.

Raggiunta la cima dell’argine, tenete la sinistra e procedete a sud lungo il percorso ciclabile che si snoda parallelamente a Via Cancello, dopodiché attraversate il ponte in Via Calcatonega e imboccate la pista ciclabile alla vostra sinistra.

Pista ciclabile lungo il fiume Frassine

Dalla posizione privilegiata dell’argine del fiume Frassine si gode di una veduta ad ampio raggio del paesaggio fluviale e campestre carcerese scandito da rigogliosi vigneti, distese di granturco che si estendono a perdita d’occhio e campi di frumento dorati solcati dal corso serpeggiante del Frassine, dalle cui sponde erbose crescono floride siepi di salici, ontani, olmi, sambuchi, noci, gelsi e aceri campestri.

Dopo circa 2,3 km, troverete alla vostra destra la Torre Marchionale, spettacolare opera difensiva medievale incorniciata da due vivaci corsi d’acqua.

Superata la monumentale opera militare in mattoni a vista, svoltate a destra e seguite la pista ciclabile lungo Via Padana inferiore. Dopo 700 metri, alla rotatoria prendete la seconda uscita. Prendete la seconda uscita anche alle due rotatorie successive. Superato l’istituto IPIA Enrico Fermi, alla rotonda prendete la prima uscita in Via Cesare Battisti. Dopo il sottopasso della ferrovia tenete la destra in Via Prà, poi svoltate a destra in Via Giulia Fogolari. Percorrete Via Giulia Fogolari per 200 metri, poi imboccate la pista ciclabile alla vostra sinistra che si addentra nell’Oasi naturalistica della Restera.

Percorrete la pista ciclabile per 1,7 km, poi tenete la destra in Via Calcatonega. Attraversate il ponte alla vostra destra, continuate lungo Via Calcatonega e superate il secondo ponte sul fiume Frassine, poi svoltate a sinistra in Via Cancello. Da qui potete procedere a ritroso fino al punto di partenza.

Se vi chiedete cosa fare a Carceri e desiderate lasciarvi coinvolgere da un’atmosfera pacifica, silenziosa e incontaminata, l’itinerario ciclo-pedonale offre scorci memorabili del panorama naturalistico e storico dei comuni di Este e Carceri, da un’abbazia millenaria immersa nella sconfinata campagna della Bassa Padovana a monumentali fortificazioni medievali immerse nel verde.

Booking.com

Leggi anche