HomeComuni del VenetoCosa fare a Ficarolo (RO): 4 idee
- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare a Ficarolo: la sagra di San Pietro, la sagra dello storione, giro in bicicletta a Ficarolo, Villa Giglioli. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova Ficarolo?

Il comune di Ficarolo confina a nord est con Bagnolo di Po, a nord ovest con Salara, a sud Bondeno, a sud est con Ferrara, a est con Gaiba, a ovest con Sermide e Felonica.

La sagra di San Pietro

Secondo il calendario liturgico, la celebrazione di San Pietro ricorre il 29 di giugno. Una delle più antiche festività del comune, la sagra di san Pietro concilia le solenni funzioni religiose nell’incantevole Chiesetta di San Pietro in Via Gramsci con il clima spensierato di una vivace festa paesana all’insegna di invitanti specialità gastronomiche, tra cui il gustosissimo pinzin, e di appassionanti concerti del nuovo gruppo ficarolese “Amarchords”.

Per maggiori informazioni in merito alla sagra di San Pietro è possibile consultare la pagina Facebook Pro Loco Ficarolo e il sito prolocoficarolo.it.

La fiera di Ficarolo

L’edizione 2023 della fiera di Ficarolo ha avuto luogo nel fine settimana dell’8 e 9 luglio, da giovedì 13 a martedì 18 luglio nel parco di Villa Gigoli e in Piazza Marconi.

Come ogni anno, il programma della festa include spettacoli musicali, serate di liscio, esibizioni teatrali e di cabaret, un grande parco di divertimenti nonché spaziose e comode aree di ristorazione in cui assaporare eccellenze enogastronomiche da accompagnare con rinomate qualità vinicole e freddi boccali di birra artigianale.

Se vi chiedete cosa fare a Ficarolo, durante la festa potrete partecipare a cacce al tesoro in bicicletta, lezioni di pesca ed escursioni in barca sul fiume Po alla scoperta delle straordinarie bellezze naturalistiche del territorio.

Per essere sempre aggiornati in merito ai prossimi appuntamenti della coinvolgente festa popolare potete visitare il sito prolocoficarolo.it.

Giro in bicicletta a Ficarolo e Gaiba

Il punto di partenza dell’itinerario è Corso Giacomo Matteotti. Lasciate alle vostre spalle l’ingresso della chiesa di Sant’Antonio Martire e attraversate Corso Giacomo Matteotti in direzione sud ovest per circa 200 metri, poi svoltate a destra in Piazza Giuseppe Garibaldi. Dopo 130 metri tenete la destra per raggiungere la sommità dell’argine, dopodiché svoltate a sinistra e procedete per 6,2 km lungo la sinuosa strada che asseconda le ampie anse del Po.

Dalla posizione privilegiata dell’argine si domina con lo sguardo la vasta area golenale del Po, scandita dalla regolare successione di floridi pioppeti soleggiati e ammantata dalla densa vegetazione ripariale di salici bianchi, olmi campestri, acacie, betulle e folti canneti in cui l’airone, il falco di palude, il gabbiano e il martin pescatore trovano il loro ecosistema ideale.

Poco prima del Club Nautico S. Anna (imbarcadero di Gaiba) discendete l’argine e seguite Via Fiaschi e Via Roma per 750 metri, svoltate a sinistra dove si trova il Teatro-Sala Civica, poi a destra in Corso San Giovanni XXIII. All’incrocio con Via Provinciale attraversate le strisce pedonali e proseguite a nord per 2,6 km lungo Via Nuova e Via Convento, inoltrandovi nell’ameno paesaggio campestre rodigino punteggiato di querce, cascine e fabbricati rustici circondati da campi di frumento.

All’incrocio (44.96588692023849, 11.469797453152209) svoltate a sinistra e seguite Via Trento e Via Terraglio per circa due chilometri e mezzo, poi tenete la destra nella pista ciclabile che affianca la strada regionale 6 Eridania. Attraversate le strisce pedonali, girate a sinistra e proseguite lungo la pista ciclabile che sbuca in Via Benedetto Craxi (44.956160490643974, 11.438586737400948). Tenete la sinistra in Via Benedetto Craxi. Poco dopo tenete nuovamente la sinistra nella pista ciclabile che conduce al parcheggio del palazzetto dello sport.

Per tornare al punto di partenza lasciate alle vostre spalle il palazzetto dello sport, uscite dal parcheggio e procedete in Via Mucchiatti Alessandro in direzione dello svettante Campanile Pendente della chiesa di Sant’Antonino Martire.

Villa Giglioli

Accessibile tramite un elegante scalone a doppia rampa, la sontuosa residenza rinascimentale in mattoni a vista è armoniosamente inserita in uno splendido parco ombreggiato da rigogliose piante d’alto fusto, in prossimità dell’argine del Po. Delimitata da due maestose torri, la facciata ovest della dimora nobiliare è ornata da un candido cornicione dentellato e presenta al centro da due camini.

Se vi chiedete cosa fare a Ficarolo, il complesso architettonico cinquecentesco di Villa Giglioli e il giardino secolare che la avvolge rappresentano una meta imperdibile per gli amanti di storia e natura.

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Ad

Descrizione dell'immagine

Leggi anche

Ad

Descrizione dell'immagine