HomeComuni del VenetoCosa fare a Mezzane di Sotto (VR): 3 idee

Cosa fare a Mezzane di Sotto (VR): 3 idee

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare a Mezzane di Sotto: la festa dell’olio e del vino, il Vajo di Mezzane, la Torre di Mezzane di Sott. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova Mezzane di Sotto?

Il comune di Mezzane di Sotto confina a nord est con Tregnago, a nord ovest con Verona, a sud con Lavagno, a sud est con Illasi, a sud ovest con San Martino Buon Albergo e Verona, a est con Illasi, a ovest con Verona.

La festa dell’olio e del vino

L’edizione 2023 della festa dell’olio e del vino ha avuto luogo da venerdì 17 a domenica 19 e da venerdì 24 a domenica 26 novembre nell’incantevole cornice storico-naturalistica del parco secolare di Villa Maffei, attuale sede municipale.

Occasione consigliata per le buone forchette, la manifestazione valorizza le rinomate qualità vinicole e di olio prodotte nelle fertili colline mezzanesi attraverso ampie e comode aree di ristorazione nelle quali è possibile assaporare squisite tipicità della tradizione enogastronomica locale.

Se vi chiedete cosa fare a Mezzane di Sotto, partecipare alla festa dell’olio e del vino è un’opportunità imperdibile per trascorrere la stagione autunnale all’insegna di musica dal vivo, serate di danza ed eccellenze enogastronomiche da gustare nello scenario da sogno di una splendida vallata situata a meno di 18 km a nord est di Verona, solcata da sorgenti cristalline, punteggiata di olivi argentati e ammantata da lussureggianti boschi secolari.

Per maggiori informazioni in merito alla vivace ricorrenza tradizionale è possibile consultare la pagina Facebook Pro Loco Val Mezzane.

Giro in bicicletta a Mezzane di Sotto – il Vajo di Mezzane

Il punto di partenza dell’itinerario è Piazza Quattro Novembre. Lasciate alle vostre spalle il solenne monumento ai caduti di Mezzane e procedete a nord, in lieve salita, lungo la strada provinciale tra giardini costellati di cedri, cipressi, olivi, aceri e lecci e pittoreschi edifici storici adibiti a molini, locande, osterie, ristoranti, oleifici e falegnamerie. Procedete lungo la strada provinciale (Via Villa), per 1,5 km tra rigogliosi vigneti, costellati nella stagione primaverile di ranuncoli di color giallo brillante, e soleggiate colline boscose che disegnano all’orizzonte il proprio sinuoso profilo.

Dopo aver superato il Molino Sartori, svoltate a sinistra in Via sul Vago. La serpeggiante strada asfaltata si estende lungo il torrente che attraversa radiosi vitigni incorniciati da gentili declivi alberati. Dopo circa 550 metri, una candida stradina sterrata conduce alla sorgente di Sant’Ambrogio immersa nel verde.

Superate il ponte sul torrente e continuate a nord fino a raggiungere la contrada sul Vago, dopodiché imboccate il sentiero sterrato che porta a fondovalle. Il tracciato si snoda lungo il limpido corso d’acqua che lambisce la densa vegetazione arborea.

Il costante lavorio delle gelide acque torrentizie ha lentamente plasmato la roccia calcarea dando vita ai suggestivi fenomeni carsici che caratterizzano questo ambiente magico e primordiale. Insenature e voragini assecondano lo scorrete di tortuosi ruscelli e vivaci cascatelle che zampillano tra umide rocce velate di muschio. Una caratteristica gradinata che si inerpica sul versante dell’altura conduce a un’area attrezzata situata tra profonde grotte.

Se vi chiedete cosa fare a Mezzane di Sotto, intraprendere il percorso che porta al Vajo di Mezzane è un’iniziativa ideale per avventurarsi in un mondo primitivo e incontaminato e contemplare affascinanti fenomeni geologici.

La Torre di Mezzane di Sotto

Uno dei più significativi punti di riferimento storici di Mezzane di Sotto, la svettante torre medievale è incastonata nel cuore urbano del comune in Piazza IV Novembre.

Coronata da un’elegante merlatura a coda di rondine, la torre del XII secolo reca un affascinante orologio in numeri romani al di sotto della cella campanaria, nella quale si aprono quattro caratteristiche bifore.

Le cantine delle abitazioni storiche edificate in prossimità del campanile e dell’antica chiesa, non più esistente, ospitano oggi la rinomata Trattoria La Torre.

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Ad

Descrizione dell'immagine

Leggi anche

Ad

Descrizione dell'immagine