HomeComuni del VenetoCosa fare a Salizzole in provincia di Verona: 4 idee

Cosa fare a Salizzole in provincia di Verona: 4 idee

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare a Salizzole: Santa Lucia sotto le torri, la sagra di Sant’Eurosia, il castello di Salizzole, la chiesa di San Martino. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova Salizzole?

Il comune di Salizzole confina a nord con Isola della Scala, a sud con Sanguinetto, a est con Bovolone e Concamarise, a ovest con Isola della Scala e Nogara.

Santa Lucia sotto le torri

L’edizione 2023 dell’evento Santa Lucia sotto le Torri è previsto da venerdì 8 a domenica 10 dicembre nella suggestiva cornice medievale della corte del Castello di Salizzole.

Il programma della festa prevede spettacoli di danza, partite di calcio, attività ricreative e di animazione per bambini con giochi in legno realizzati artigianalmente, mostre zootecniche, visite guidate al castello in costumi d’epoca nonché ampie aree di ristorazione in cui potrete partecipare a un banchetto degno di un re.

Per maggiori informazioni in merito all’evento si invita a consultare la pagina Facebook Santa Lucia sotto le Torri.

La sagra di Sant’Eurosia

Il calendario liturgico commemora Sant’Eurosia il 25 giugno. Nel comune di Salizzole, la celebrazione in onore della santa si svolge anche nei giorni precedenti a questa data. L’edizione 2023 della sagra di Sant’Eurosia si è svolta da venerdì 2 a martedì 6 giugno nelle principali Piazze e Vie della città.

Appuntamento consigliato per le buone forchette, la manifestazione prevede spaziose e comode tendostrutture nelle quali è possibile scegliere tra prelibate pietanze che valorizzano i prodotti del territorio, da squisiti risotti, fettuccine all’anatra e maccheroni al musso a succulente tagliate, costine, salsicce sfrigolanti alla griglia servite con fette di polenta alla piastra, croccanti patate fritte, qualità vinicole del territorio e freddi boccali di birra, ideali per lenire la calura estiva.

Il programma dell’evento prevede raduni e sfilate di trattori d’epoca, gare di calcetto ed esibizioni di ballo con grandi orchestre.

Se vi chiedete cosa fare a Salizzole, la sagra di Sant’Eurosia si svolge all’insegna di serate danzanti e musicali, competizioni sportive e invitanti specialità enogastronomiche nella cornice di un incantevole paese rurale della Bassa Veronese.

Per maggiori informazioni in merito alla sagra di Sant’Eurosia è possibile visitare la pagina Facebook No-Yes Salizzole.

Il castello di Salizzole

Incastonato nel cuore storico del paese in Piazza Castello, 18, il castello di Salizzole è uno degli edifici più rappresentativi del comune nonché uno dei più significativi complessi fortificati della Bassa Veronese. Risalente al XII secolo, la possente costruzione si impone alla vista attraverso due massicce torri a base quadrangolare, la più antica delle quali, quella occidentale, è coronata da un’elegante merlatura a coda di rondine.

Dimora della nobildonna Verde di Salizzole (1241 circa ; 25 dicembre 1306) madre di Cangrande della Scala, il castello è attualmente sede della biblioteca comunale. Se non sapete resistere all’aura di fascino e mistero di antichi castelli medievali, potrebbe interessarvi visitare anche la frazione di Bionde, in cui si trova la splendida Corte Dominicale Campagna (Via Bionde, 28, 37056 Bionde VR).

La chiesa di San Martino Vescovo

Situata in Piazza Castello, 18, la chiesa di San Martino Vescovo si distingue per una facciata a doppio spiovente verticalmente tripartita da due coppie di lesene ioniche poggianti su alti basamenti. Al centro della facciata si apre il grande portale ligneo sormontato da un architrave sorretto da mensole. Il portone d’ingresso è inserito in un grande arco a profilo centinato, leggermente rientrante rispetto al filo della muratura.

A concludere lo sviluppo verticale della struttura sono l’architrave modanato, il fregio recante l’iscrizione IN HONOREM S. MARTINI EP. ed il frontone triangolare dentellato coronato da una candida croce e da due statue acroteriali laterali. Al centro del timpano è riportata la sigla D.O.M. (Deo Optimo Maximo).

Accessibile tramite un rigoglioso viale di aceri, l’aula unica del luogo di culto neoclassico è ritmata da paraste ioniche che incorniciano le nicchie laterali e sorreggono la trabeazione. La vasta e luminosa navata è sovrastata da una volta a padiglione lunettata splendidamente affrescata.

Se vi chiedete cosa fare a Salizzole, la chiesa di Salizzole custodisce pregiati altari in marmi policromi e uno straordinario patrimonio di opere pittoriche.

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine
Booking.com

Leggi anche

SPONSOR

Descrizione dell'immagine