HomeComuni del VenetoCosa fare a Sommacampagna (VR): 4 idee

Cosa fare a Sommacampagna (VR): 4 idee

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare a Sommacampagna: l’antica fiera di Sommacampagna, Villa Ottolini, Pignatti Morano, l’ossario di Custoza, giro in bicicletta a Custoza. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova Sommacampagna?

Il comune di Sommacampagna confina a nord con Sona, a sud con Villafranca di Verona, a est con Verona, a ovest con Valeggio sul Mincio.

L’antica fiera di Sommacampagna

L’edizione 2023 dell’antica fiera di Sommacampagna ha avuto luogo da venerdì 25 a martedì 29 agosto nelle principali vie e piazze della città.

In occasione della vivace ricorrenza tradizionale, il cuore storico di Sommacampagna si anima di punti di degustazione in cui assaporare squisite specialità enogastronomiche del territorio, di appassionanti concerti bandistici e di concorsi artistici durante i quali è possibile contemplare le opere di giovani aspiranti madonnari.

Le precedenti edizioni della festa paesana hanno registrato una notevole partecipazione specialmente per quanto riguarda le fattorie didattiche e le coinvolgenti iniziative ad essere legate (dalla produzione del pane all’apprendimento dell’apicoltura) per insegnare ai bambini il rispetto della natura e incoraggiarli a familiarizzare con gli animali e con il mondo dell’agricoltura.

Se vi chiedete cosa fare a Sommacampagna, l’antica fiera di Sommacampagna è un’occasione ideale per trascorrere la bella stagione all’insegna di musica dal vivo, tipicità del territorio da far venire l’acquolina in bocca, esposizioni di trattori e macchinari d’epoca, prove di equitazione e altre avvincenti attività ludico-sportive nella cornice di un’incantevole città agreste situata a meno di quindici chilometri dal centro storico veronese.

Villa Ottolini, Pignatti, Morano

Situata in Via Bellavista, 7 (45.37357643804684, 10.796352766681526), la residenza signorile si staglia tra i gentili pendii di Custoza punteggiati di olivi argentati e solcati da sinuosi viali di cipressi e tigli.

Articolata su tre piani, la sontuosa dimora nobiliare del XVII secolo è conclusa da un volume mediano sopraelevato che si estende per l’intero vano passante. Il corpo sommitale è coronato da un timpano triangolare ingentilito ai lati da due vasi acroteriali, mentre sulla sommità della struttura (lato ovest) svetta un grazioso campanile a vela.

Al di sotto del timpano, sulla facciata est campeggia lo stemma della famiglia Ottolini, mentre sulla facciata ovest spicca un elaborato blasone metallico che ingloba i simboli delle famiglie Ottolini, Pignatti e Morano. Accessibile tramite un’elegante scalinata, il lato occidentale del palazzo reca ancora i segni dei proiettili sparati durante la battaglia di Custoza.

Se vi chiedete cosa fare a Sommacampagna, Villa Ottolini, Pignatti, Morano rappresenta uno dei più importanti punti di riferimento storici e architettonici del comune.

L’ossario di Custoza

Situato in Str. Ossario, 17, l’ossario di Custoza si innalza sulla sommità di un’amena altura, incorniciata da scuri e svettanti cipressi, da cui è possibile ammirare dolci declivi scanditi da vigneti e rigogliose siepi che si perdono all’orizzonte. Il solenne monumento a pianta ottagonale presenta quattro ingressi lunettati accessibili da pregiate scalinate di pietra.

I quattro portali sono anticipati da protiri formati da una volta a botte coronata da una copertura a doppio spiovente. All’interno della candida struttura sono custodite le spoglie dei soldati italiani, veneti e austriaci caduti tra la prima e la terza guerra d’indipendenza.

All’interno dell’ossario è presente una scalinata che conduce ad una balconata, dalla quale è possibile ammirare l’affascinante panorama naturalistico di Custoza.

Giro in bicicletta a Custoza

Il punto di partenza dell’itinerario è la pittoresca Località Valbusa (45.3748165519043, 10.78900690974284). Imboccate la Strada comunale detta Pei Molini. Il candido sentiero sterrato si addentra nella lussureggiante vegetazione arborea per circa 450 metri. All’incrocio svoltate a destra e procedete a nord lungo Via Valle Molini all’ombra di abeti, cipressi, querce e faggi per 250 metri, dopodiché svoltate a destra. Seguite la Strada comunale dei Mulini 80 per 750 metri tra floridi vigneti, poi tenete la sinistra e procedete per 200 metri nel placido senario rurale sommacampagnese. Al bivio (45.38647718139776, 10.784976812833841) tenete la destra e procedete a nord lungo il sentiero che si estende ai margini di un maestoso bosco.

All’incrocio svoltate a destra e superate i due ponticelli. Dopo 250 metri tenete la sinistra e attraversate il sentiero boschivo conosciuto come il tunnel dell’amore. All’incrocio (45.39661114626496, 10.792136152076889) svoltate a destra in Via Guastalla Vecchia. Dopo 600 metri girate a destra e seguite Str. Staffalo per 600 metri tra vaste distese prative e vigneti soleggiati, poi svoltate a destra in Str. Ossario. Seguite Str. Ossario per 2,1 km.

All’incrocio svoltate a destra e seguite Via XXIV Maggio e Str. Valbusa per 600 metri fino a tornare in Località Valbusa.

Se vi chiedete cosa fare a Sommacampagna, il percorso suggerito è solo uno dei numerosi itinerari indicati per chi desideri esplorare e scoprire il formidabile patrimonio paesaggistico di Custoza, splendido abitato in cui si sono svolti alcuni degli eventi più significativi della storia d’Italia.

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Ad

Descrizione dell'immagine

Leggi anche

Ad

Descrizione dell'immagine