HomeUncategorizedCosa fare a Villamarzana (RO): 3 idee

Cosa fare a Villamarzana (RO): 3 idee

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare a Villamarzana: la festa del grano, giro in bicicletta a Villamarzana, Villa Cagnoni Boniotti. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova Villamarzana?

Il comune di Villamarzana confina a nord con Costa di Rovigo, a sud con Frassinelle Polesine, a sud ovest con Pincara, a est con Arquà Polesine, a ovest con Fratta Polesine.

La festa del grano

Nel 2023 la festa del grano ha avuto luogo da venerdì 30 giugno a domenica 9 luglio nel vasto parco incorniciato da tigli presso la Chiesa Santo Stefano Papa Martire in Piazzale Chiesa, 1.

Se vi chiedete cosa fare a Villamarzana, la festa del grano è un’occasione da non perdere per trascorrere la stagione estiva all’insegna di musica dal vivo, serate di danza e specialità enogastronomiche da far venire l’acquolina in bocca, dalle lasagne al ragù e i bigoli all’anatra alla brasola col manego e la bondola di carne, solo per citare alcune delle invitanti pietanze del menù dell’ultima edizione.

Come da tradizione, durante la manifestazione è possibile assistere alla tradizionale mietitura del frumento alla maniera dei nostri nonni.

Per maggiori informazioni in merito alla festa del grano è possibile consultare la pagina Facebook Pro loco Villamarzana.

Giro in bicicletta a Villamarzana, Frassinelle Polesine e Arquà Polesine

Il punto di partenza dell’itinerario è il parcheggio in corrispondenza del parco al Donatore (45.012238728127464, 11.694065365393499). All’incrocio con Via 43 Martiri girate a sinistra e procedete a sud ovest per poco più di 1 km inoltrandovi nella sconfinata pianura polesana ammantata da campi di frumento e punteggiata di caseggiati rustici ed eleganti cascine incorniciate da giardini alberati.

In corrispondenza del Sacrario e dell’Oratorio di San Lorenzo, imboccate la ciclabile Adige Po alla vostra destra. Il sentiero si snoda all’ombra di pini marittimi, robinie, salici, pioppi cipressini, ontani e olmi. Continuate a ovest lungo Via I Maggio e Via Basse per quasi 3 km, assecondando le sinuose anse del corso d’acqua ammantate di vegetazione ripariale.

Lasciate il ponte in Via Canalbianco (45.004545508393605, 11.645521842269439) alla vostra sinistra e procedete a nord in Via Basse per circa 2 km. All’incrocio svoltate a sinistra e continuate in Via Basse per 200 metri fino all’incrocio con Via Zabarella.

Svoltate a destra e seguite Via Zabarella per 1 km, poi girate a destra in Via Andrea Palladio. Dopo 60 metri attraversate le strisce pedonali e imboccate la pista ciclabile che si estende lungo un florido Viale di tigli. L’itinerario conduce a Villa Badoer, spettacolare complesso architettonico palladiano a Fratta Polesine. Lasciate alle vostre spalle l’ingresso della villa rinascimentale e attraversate il ponte lastricato sul canale, poi svoltate a sinistra, seguite Via Ruga per 180 metri e imboccate Via Riviera Scolo alla vostra destra, in corrispondenza del settecentesco Palazzo Villa-Cornoldi (ora Fanan).

Dopo 500 metri tenete la destra in Via San Pietro fino a raggiungere la chiesa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo. All’incrocio tenete la sinistra e seguite Via San Giorgio per 130 metri. All’intersezione con Via G. Monti attraversate le strisce pedonali, girate a sinistra e procedete per 160 metri, poi svoltate a destra in Via Ronchi.

Seguite Via Ronchi per 2,2 km tra vaste coltivazioni di frumento e granturco che avvolgono caratteristici fabbricati rurali. All’incrocio con Via XXV Aprile svoltate a destra, affiancando Villa Cagnoni Boniotti.

All’intersezione svoltate a sinistra e seguite Via G. Matteotti per 900 metri, lasciando alla vostra sinistra la chiesa di San Bartolomeo Apostolo.

All’incrocio tenete la sinistra e continuate lungo Via G. Matteotti per 750 km. Lasciate il ponte sul canale alla vostra sinistra e svoltate a destra in Via 43 Martiri. Dopo circa 300 metri svoltate a sinistra per tornare al parcheggio del Parco del Donatore.

Se vi chiedete cosa fare a Villamarzana, questo breve itinerario è consigliato a chi desideri immergersi nella placida campagna polesana e ammirare splendidi esempi di architettura del XVI e XVIII secolo.

Villa Cagnoni Boniotti

Situata in Via XXV Aprile, 2, la candida dimora signorile si staglia in un rigoglioso giardino fiorito ornato da pioppi cipressini, cedri, acacie e molte altre rigogliose piante d’alto fusto. Al fianco della sontuosa residenza rinascimentale si innalza un’incantevole barchessa scandita da ampie arcate a tutto sesto.

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Ad

Descrizione dell'immagine

Leggi anche

Ad

Descrizione dell'immagine