HomeComuni del VenetoCosa fare a Bagnoli di Sopra in provincia di Padova: 3 idee

Cosa fare a Bagnoli di Sopra in provincia di Padova: 3 idee

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare a Bagnoli di Sopra: Villa Widmann Borletti, Friularo Festival, la parrocchia di San Michele Arcangelo. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova Bagnoli?

Il comune di Bagnoli confina a nord con Conselve, a nord est con Arre, a sud con Anguillara Veneta, a est con Arre e Agna, a ovest con Tribano.

Villa Widmann Borletti

Situata in Via G. Garibaldi, 35, Villa Widmann Borletti è uno dei più importanti monumenti storici e culturali del comune di Bagnoli di Sopra.

Armoniosamente inserito nella sconfinata pianura della Bassa Padovana, il nucleo rinascimentale della residenza gentilizia è originario di un antico monastero, le cui cantine furono poi acquisite dai committenti della villa.

Articolato intorno ad un radioso parco impreziosito da quarantuno statue, il complesso settecentesco include un teatro e sontuosi fabbricati di servizio tra cui stalle, granai, magazzini, scuderie e una torre piccionaia.

Se vi chiedete cosa fare a Bagnoli di Sopra, Villa Widmann Borletti è un gioiello di architettura internamente impreziosito da spettacolari affreschi dell’artista veneziano Giovanni Battista Pittoni.

Friularo Festival

L’edizione 2022 del Friularo Festival ha avuto luogo sabato 19 e domenica 20 novembre nella splendida cornice di Villa Widmann Borletti.

Il programma prevede itinerari guidati alla scoperta del maestoso complesso architettonico del XVIII secolo, delle inestimabili opere pittoriche che ne ingentiliscono gli interni e del radioso parco della dimora signorile.

Oltre a valorizzare il patrimonio artistico dell’incantevole cittadina rurale, l’evento promuove l’antica cultura contadina e la tradizione vinicola del territorio attraverso esposizioni di macchinari ed attrezzature agricole, mostre mercato di prodotti agricoli e artigianali, aree di ristorazione in cui potrete degustare specialità che attestano la qualità delle materie prime e delle ricette semplici, genuine e invitanti che distinguono l’identità di questa graziosa comunità agreste.

Se desiderate vivere la stagione autunnale nell’ameno parco alberato di una nobile dimora secolare di campagna, assaporare eccellenze vinicole in affascinanti cantine storiche, il Friularo Festival esalta i colori e le fragranze dell’autunno offrendovi squisite castagne cotte su fuochi scoppiettanti, appetitose ricette a base di funghi, affettati e tipicità casearie servite con polenta e calici di pregiati vini locali, solo per citare alcune delle prelibatezze del menù.

Ad animare ulteriormente le serate di festa vi saranno spettacoli teatrali, esibizioni di prestigiatori e mostre d’arte che renderanno la vostra esperienza ancor più coinvolgente.

Per maggiori informazioni in merito alla manifestazione enogastronomica potete visitare la pagina Facebook Friularo Festival.

La parrocchia di San Michele Arcangelo

Situata in Piazza Martiri d’Ungheria, 27, la candida mole del luogo di culto neoclassico si staglia nel cuore storico begnolese.

Un’elegante cornice dentellata divide la maestosa facciata in due ordini sovrapposti. Il registro inferiore è ritmato da sei lesene ioniche poggianti su alti basamenti, due alle estremità del fronte, le altre quattro, disposte in coppie, incorniciano il portale d’accesso.

Il massiccio portale ligneo è affiancato da quattro finestre quadrangolari (quelle in basso di altezza superiore) allineate verticalmente. Ingentilita da un sinuoso motivo geometrico in ferro, la finestra a lunetta che corona il portone è sormontata da un archivolto, adornato, in corrispondenza della chiave di volta, da un mascherone.

La fascia modanata che separa i due registri funge da cornice di un grande frontone ricurvo, anch’esso dentellato, che si staglia al centro del fronte al di sopra delle due coppie di lesene ioniche.

La sommità del frontone è interrotta da una monofora a tutto sesto che campeggia al centro del registro superiore. Nobilitata da una candida serliana, l’apertura centinata è fiancheggiata da sei lesene corinzie in asse con le sottostanti.

A concludere lo sviluppo verticale della struttura è il frontone triangolare, abbellito da due guglie e recante al centro del timpano un orologio in numeri romani.

Se vi chiedete cosa fare a Bagnoli di Sopra, la chiesa di San Michele Arcangelo custodisce raffinati altari in marmi policromi ornati da sculture di amorini svolazzanti, straordinarie opere pittoriche ed un brillante capocielo dorato.

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Ad

Descrizione dell'immagine

Leggi anche

Ad

Descrizione dell'immagine