HomeComuni del VenetoCosa fare a Caldiero in provincia di Verona: 4 idee

Cosa fare a Caldiero in provincia di Verona: 4 idee

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare a Caldiero: Monte Rocca, le terme di Giunone, la sagra di San Mattia Apostolo, giro in bicicletta a Caldiero. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova Caldiero?

Il comune di Caldiero confina a nord con Cologna ai Colli, a nord ovest con Lavagno, a est e a sud est con Belfiore, a sud ovest con Zevio, a ovest con Lavagno e San Martino Buon Albergo.

Monte Rocca

La sommità della splendida altura alberata è coronata da un elegante edificio neogotico a pianta ottagonale avvolto dalle maestose chiome di cedri, abeti e cipressi.

Pervasa da un’aura fiabesca e sospesa nel tempo, la radiosa vegetazione arborea del colle avvolge i resti di una misteriosa fortificazione medievale sormontata da una suggestiva torretta merlata.

Se vi chiedete cosa fare a Caldiero, il sentiero che conduce alla vetta di monte Rocca è consigliato a chi desideri addentrarsi in una dimensione silenziosa e immersa nel verde nonché ammirare panorami mozzafiato della pianura veronese, dei Colli Lessini che si stagliano all’orizzonte e delle spettacolari Terme di Giunone, alimentate dalle sorgenti cristalline della Brentella e della Cavalla.

La sagra di San Mattia Apostolo

L’edizione 2023 della sagra di San Mattia Apostolo ha avuto luogo da venerdì 24 a lunedì 27 febbraio in corrispondenza del Teatrotenda.

Se vi chiedete cosa fare a Caldiero, la sagra di San Mattia Apostolo è un’occasione ideale per trascorrere del tempo in buona compagnia all’insegna di esibizioni teatrali, specialità enogastronomiche e musica dal vivo nella cornice di un incantevole paese di campagna incorniciato da pendii verdeggianti situato a meno di venti chilometri dal centro storico di Verona.

Per essere sempre aggiornati in merito ai prossimi appuntamenti della tradizionale ricorrenza è possibile visitare la pagina Facebook Pro Loco Caldiero.

Giro in bicicletta a Caldiero e Soave

Il punto di partenza dell’itinerario è il parcheggio in Piazza Vittorio Veneto di fronte alla scuola primaria Ederle. Lasciate alle vostre spalle l’ingresso della sala consiliare dell’ex municipio e procedete a ovest, in discesa, passando di fronte alla chiesa neoclassica di San Pietro Apostolo.

Dopo circa 200 metri, all’incrocio tenete la sinistra affiancando il rigoglioso giardino urbano in cui si staglia il candido monumento ai Caduti di Caldiero della prima e seconda guerra mondiale. Ombreggiato da un abete e un cedro, il cippo commemorativo è coronato dalla statua bronzea di un soldato che solleva una fiaccola nella mano destra, mentre nella sinistra impugna il fucile con baionetta. Dopo circa 100 metri svoltate a destra in Via Mirandola.

Procedete per 2,5 km lungo Via Mirandola, Via Lavandari, Via Giare e Via Spezieria, inoltrandovi nel pacifico scenario agreste caldierese ombreggiato da floridi platani e scandito da rigogliosi vigneti che circondano eleganti cascine e fabbricati rustici.

All’incrocio svoltate a sinistra, superate il sottopasso e procedete lungo la strada principale per 750 metri fino alla rotonda. Prendete la seconda uscita e seguite Via S. Irene per circa 1 km tra vitigni soleggiati e lussureggianti siepi di acacie, salici e pioppi.

Alla rotatoria prendete la seconda uscita e continuate fino alla rotatoria successiva. Prendete nuovamente la seconda uscita e procedete per 2,5 km lungo Via Carrozza e Via XXIV Maggio tra muriccioli di pietra ammantati di edera, sambuchi e cornioli che delimitano vasti vitigni e i giardini ben curati di antiche case rurali costellati di cedri, cipressi e tigli. All’incrocio svoltate a sinistra, poi girate a destra in Viale IV Novembre.

All’intersezione tenete la destra e attraversate le strisce pedonali, poi girate a sinistra e imboccate Viale IV Novembre alla vostra destra. Seguite per 850 metri la strada che asseconda il declivio boscoso all’ombra di platani, cipressi, ippocastani e bagolari.

Una volta raggiunta la maestosa Villa Spinola, Franchini, Cometti imboccate Via Peschiera e procedete per 800 metri tra sinuosi muri di pietra e olivi argentati, poi svoltate a destra in Via S. Nicolò. Procedete per quasi 3 km lungo la strada provinciale 37 che si estende ai piedi di un colle boscoso sulla cui sommità sorge l’abitato di Casteggioni.

Una volta arrivati alla pittoresca cittadina di San Vittore (45.42727910087427, 11.221333550013496) svoltate a destra in Via Ghiaia tra ameni filari di vite. Dopo 600 metri girate a destra e continuate in Via Ghiaia, da cui si possono ammirare ridenti pendii alberati punteggiati di caseggiati campestri.

Dopo 800 metri girate a destra. Procedete lungo Via Fornello e Località Vallese per 1,5 km, poi svoltate a sinistra in Via Micheline. All’incrocio con la strada regionale 11 svoltate a destra in Via Strà, attraversate le strisce pedonali e imboccate Via delle Terme. Procedete lungo Via delle Terme e Via Monte Rocca per poco più di 1 km fino a tornare al punto di partenza.

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine
Booking.com

Leggi anche

SPONSOR

Descrizione dell'immagine