HomeComuni del VenetoCosa fare ad Arzignano in provincia di Vicenza: 3 idee

Cosa fare ad Arzignano in provincia di Vicenza: 3 idee

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare ad Arzignano: Il castello di Arzignano, la fiera dei Santi, la festa di Sant’Agata. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova Arzignano?

Il comune di Arzignano confina a nord con Trissino, a nord ovest con Nogarole Vicentino, a sud est con Montorso Vicentino, a sud ovest con Roncà, a est con Montecchio Maggiore, a ovest con Chiampo.

Il castello di Arzignano

Situato in Piazzale della Vittoria, la grandiosa roccaforte troneggia sulla sommità di un verde colle punteggiato di pallidi olivi e ammantato di folta vegetazione boschiva tra cui si distinguono le floride chiome di acacie e pioppi.

Dopo aver conquistato il maniero dei conti di Arzignano nella prima metà del XIV secolo, la famiglia scaligera decise di cingere la struttura di alte e possenti mura, dalla cui scura e imponente mole di pietra lavica si innalzavano in origine tredici torri.

Sgominata la nobile stirpe veronese dal casato dei Visconti nel 1377, il castello entrò in possesso dapprima della dinastia milanese per poi passare, nei primi anni del XV secolo, sotto il controllo della Repubblica di Venezia.

Entrata in guerra contro il re d’Ungheria dopo avergli negato il permesso di attraversare i propri territori, la Repubblica di Venezia fu invasa dall’esercito magiaro. Capitanate da Pippo Spano, le truppe ungheresi attaccarono il castello di Arzignano nel 1413.

Il 5 febbraio di quell’anno, tuttavia, l’assedio si rivelò un insuccesso e le truppe ungheresi furono costrette alla ritirata.

Nel corso del XVI secolo, venuta meno la funzione difensiva del complesso architettonico militare, la repubblica di Venezia decise di ingentilirne ed alleggerirne le forme.

Se vi chiedete cosa fare ad Arzignano e desiderate fare un tuffo nel medioevo, la colossale fortezza rappresenta uno dei più significativi riferimenti storici e culturali del comune nonché uno spettacolare punto di osservazione da cui si può abbracciare con lo sguardo la splendida vallata disseminata di lontane e minuscole casette e dei soleggiati declivi boscosi che si stagliano all’orizzonte.

La fiera dei Santi

La tradizionale celebrazione si tiene ogni anno nel mese di novembre. L’edizione 2022 della festa si è tenuta dal 25 all’8 novembre.

In occasione della festa popolare le vie e le piazze del centro si riempiono di giostre brillanti di luci elettriche colorate, di cui non si può non citare la gigantesca ruota panoramica posta di fronte al municipio, dalla quale potrete ammirare prospettive esclusive ed emozionanti del cuore urbano del paese. Per chi è a caccia di esperienze adrenaliniche sarà possibile sfidare la gravità a bordo dello star fighter e sperimentare la forza centrifuga del galeone pirata.

Per i più piccoli non mancheranno il bruco mela, gli autoscontri ed i seggiolini volanti. Queste sono solo alcune delle decine di divertenti attrazioni che illumineranno Piazza Guglielmo Marconi.

Se vi chiedete cosa fare ad Arzignano e siete alla ricerca di iniziative allegre e coinvolgenti per trascorrere la stagione autunnale all’insegna di specialità gastronomiche dal far venire l’acquolina in bocca, un vasto ed esilarante luna park e centinaia di bancarelle di abbigliamento ed oggettistica di ogni tipo, la fiera dei Santi è un appuntamento imperdibile!

La festa di Sant’Agata

La festa di Sant’Agata ricorre ogni giorno il 5 febbraio nella frazione di Tezze.

La data del calendario liturgico corrispondente alla morte della Santa, avvenuta nel 251 nel carcere in cui era stata rinchiusa per essersi rifiutata di rinnegare la fede cristiana, coincide con il giorno in cui, nel 1413, i soldati ungheresi guidati da Filippo Buondelmonti degli Scolari (Pippo Spano) dovettero dichiararsi sconfitti e ritirarsi dopo l’estenuante assedio del castello di Arzignano.

La cerimonia prevede una solenne processione con fedeli riproduzioni di costumi d’epoca di quel periodo realizzati con passione ed impeccabile perizia, emozionanti canti corali, esibizioni acrobatiche mozzafiato, laboratori artigianali e aree mercato medievali, nonché sontuosi banchetti in cui potrete assaporare pietanze degne di un re.

Se vi incuriosisce l’idea di fare un viaggio nel tempo e prendere parte ad una celebrazione del XV secolo pervasa dal fascino di un maestoso castello che ha saputo reggere l’urto di secoli di guerre e che tutt’ora svetta sulla cima di una verde altura boscosa, partecipare alla festa di Sant’Agata potrebbe fare proprio al caso vostro!

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ad

Descrizione dell'immagine

Leggi anche

Ad

Descrizione dell'immagine