HomeComuni del VenetoCosa fare a San Pietro in Gu (PD): 3 idee

Cosa fare a San Pietro in Gu (PD): 3 idee

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare a San Pietro in Gu: la festa di fine estate, la chiesa di San Lorenzo, la festa della transumanza. Volete saperne di più? Prima di tutto…

Dove si trova San Pietro in Gu?

Il comune di San Pietro in Gu confina a nord con Pozzoleone, a nord ovest con Bressanvido, a sud est con Gazzo, a sud ovest con Quinto Vicentino, a est con Carmignano di Brenta e Grantorto, a ovest con Bressanvido e Bolzano Vicentino.

La festa di fine estate

L’evento popolare si tiene ogni anno nel mese di agosto. L’edizione 2022 della sagra si è svolta da giovedì 22 a martedì 30 agosto in corrispondenza della pro loco in Piazza Prandina, 24.

Occasione ideale per le buone forchette, la vivace celebrazione prevede ampie e comode tendostrutture nelle quali verranno servite specialità di mare e di terra, da squisite braciole, costine e salsicce sfrigolanti alla griglia con patate fritte e fette di polenta ai ferri, gustose bruschette a fritture mista di pesce, nonché tipicità della gastronomia del Trentino Alto Adige come le succulente costine marinate con birra e senape, il cui aroma speziato si diffonde tra le lunghe schiere di tavoli e panche ben allineate gremite di commensali affamati e festanti.

Se vi chiedete cosa fare a San Pietro in Gu e desiderate trascorrere la bella stagione nell’incantevole scenario rurale della campagna guadense tra musica dal vivo, brillanti parchi di divertimenti, calici di vino e fiumi di birra per alleviare la calura estiva, partecipare alla festa di fine estate potrebbe fare proprio al caso vostro!

Per maggiori informazioni in merito al prossimo appuntamento si consiglia di visitare la pagina Facebook Sagra San Pietro In Gu.

La chiesa di San Lorenzo

Situata in Piazza Prandina, 7, la chiesa di San Lorenzo è uno dei più significativi punti di riferimento culturali e architettonici del comune.

Rivolta su una piacevole area verde disseminata di aceri, cedri argentati, frassini, cipressi e tigli, il luogo di culto neoclassico è accessibile tramite un maestoso pronao tetrastilo di ordine composito (forse corinzio) che sostiene l’architrave, il fregio, recante l’iscrizione DOMUS DEI in giganteschi caratteri cubitali neri, ed il frontone triangolare dentellato sormontato da una croce latina metallica.

Il possente colonnato anticipa l’elegante facciata verticalmente tripartita da due coppie di paraste. Sormontato da un timpano triangolare, il massiccio portale ligneo è affiancato da due nicchie, anch’esse timpanate, in cui sono inserite le statue di due santi.
Diviso orizzontalmente da una cornice marcapiano, il fronte è ingentilito nel registro superiore da un’elegante rosone in vetri policromi i cui raggi, raccordati da archetti a tutto sesto, creano un suggestivo motivo geometrico che ricorda i petali di un fiore.

Ai lati del rosone si stagliano le raffigurazioni di due angeli con le ali dorate, uno con una veste blu, l’altro con una veste rossa.

Sovrastata da una copertura a padiglione nella quale si aprono sei bifore, la navata unica custodisce uno spettacolare patrimonio di altari marmorei ed opere pittoriche che mostrano scene della vita di Cristo.

La festa della Transumanza

Nel 2022 la festa della transumanza ha avuto luogo da venerdì 23 a venerdì 30 settembre.

In occasione della tradizionale ricorrenza, durante la quale il paesino dell’alta padovana accoglie le vacche di ritorno dalla monticazione, le principali vie e piazze della cittadina si animano di esposizioni di trattori e macchinari agricoli d’epoca, laboratori artigianali che illustrano e tramandano gli antichi mestieri dei nostri avi, mostre zootecniche e numerose bancarelle ricche di prodotti genuini che promuovono e definiscono le radici culturali di un’incantevole comunità rurale immersa nella sconfinata pianura dell’alta padovana, costellata di caseggiati rustici avvolti da campi di granturco e rigogliosi vigneti incorniciati da floride siepi di salici, acacie, olmi, pioppi, ontani, sambuchi, platani e aceri campestri che si perdono all’orizzonte.

Se vi chiedete cosa fare a San Pietro in Gu, la festa della transumanza è una dei più caratteristici e coinvolgenti eventi folcloristici del comune. Per rimanere sempre aggiornati in merito al programma dell’iniziativa si invita a consultare il sito comune.sanpietroingu.pd.it.

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine
Booking.com

Leggi anche

SPONSOR

Descrizione dell'immagine