HomeComuni del VenetoCosa fare a Trevignano: 5 cose da fare

Cosa fare a Trevignano: 5 cose da fare

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

Scopri cosa fare a Trevignano in provincia di Treviso: itinerario “ai Prai”, Villa Onigo, Agost Bier Fest, Palio de batar panoce e la sagra del Carmine. Queste sono solo alcune delle località ed iniziative che potrete scoprire e vivere nel comune di Trevignano, splendido paese immerso nella verde pianura della provincia di Treviso. Volete saperne di più?

Dove si trova Trevignano?

Il comune di Trevignano in provincia di Treviso confina a nord con Montebelluna e Volpago del Montello, a sud con Vedelago, Istrana, Paese, a est con Volpago e Paese, a ovest con Montebelluna e Vedelago.

Percorsi naturalistici

Incastonato nel centro urbano del comune, uno dei monumenti più rappresentativi di Trevignano è la spettacolare Villa Onigo, splendido palazzo neopalladiano realizzato nella seconda metà del XVII secolo.

Uno dei più suggestivi percorsi storico-naturalistici dell’Agritour dei Cavedìn, iniziativa volta a promuovere il patrimonio rurale e culturale del territorio, è l’itinerario campestre “Ai Prai”, sentiero che per circa 8 km si snoda tra filari di vigneti, viali alberati e pittoresche case di campagna. 

Avvolti da un’aura di fascino e mistero a distanza di secoli dalla loro creazione, i pilastroni cinquecenteschi di Villa Onigo, armoniosamente integrati nello scenario bucolico del comune al confine con Istrana, indicavano l’incontro delle due strade principali dell’omonima Villa.

Questo piacevole itinerario immerso nel verde, agevole e non faticoso, è ideale per gli appassionati di escursioni e cicloturismo che si chiedono cosa fare a Trevignano.

Booking.com

Eventi e ricorrenze

Nella frazione di Signoressa, tra la prima e la seconda settimana di Agosto, nel campo tra Via Bassa e
Via Monte Grappa, si può partecipare all’Agost Bier Fest, la festa della birra del paese, conosciuta in tutta
la provincia dove si può fare un giro in una delle numerose giostre o ci si può scatenare con una pinta di buona birra ed una grigliata di carne o verdure godendosi musica dal vivo per tutte le età, dal liscio al rock più sfrenato.

Ricorrenza nata più di trent’anni fa, Trevignano, il Palio del Batar Panoce (battere pannocchie) rievoca l’antico lavoro con il quale i contadini, separando i chicchi di granturco dal torsolo (a granèa dai bòtoli, in dialetto) preparavano il granturco per la polenta.
Una manifestazione quindi carica di connotazioni rurali, pregna della storia delle famiglie del posto e
delle loro tradizioni.

L’evento si svolge generalmente alla fine di Giugno e si compone di tre competizioni, vale a dire il Palio,
dove si sfidano le antiche borgate di Trevignano (Borgo, Piazza, Campagna, Tre Forni, Zapparè e Via
Alta), il Palio Comunale, dove vediamo la sfida tra le quattro frazioni, ed il SuperPalio, dove competono i
campioni uscenti delle due precedenti categorie.

La Sagra del Carmine, invece, ha luogo a Falzè, e si svolge intorno alla metà di Luglio, con giostre,
stand gastronomici e spettacoli dal vivo.

Cenni storici

Sorti i nuclei di Trevignano de sub e Falzedo dopo il passaggio dell’orda barbarica, questi territori furono destinati ad una bonifica agricola cui seguì la fondazione di piccoli centri urbani appartenenti alla Pieve di Montebelluna, mentre
Musano, ospitante un Monastero, e Signoressa facevano parte della signoria del Podestà di Treviso.

Il territorio manterrà la sua connotazione rurale-contadina fino ai giorni nostri, pur trovandosi sulla via di
importanti reti di comunicazione quali la Postumia o le successive Feltrina e Schiavonesca.

Durante la prima guerra mondiale, Villa Coletti a Musano divenne sede del comando generale del Regio
Esercito, avente funzione di riorganizzare ranghi e controffensiva all’indomani della rotta di Caporetto,
vista la posizione non lontana dal fronte (il fiume Piave).

Durante la seconda guerra mondiale, invece, è tristemente famosa la storia dei Dieci Martiri di Zapparè
vittime di un esecuzione per rappresaglia nazista e fucilati nell’aprile del 1945 perché avevano offerto
appoggio ed ospitalità a dei partigiani.

Frazioni di Trevignano

Trevignano, Falzè, Signoressa, Musano e località Zapparè.

- SPONSOR - Descrizione dell'immagine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ad

Descrizione dell'immagine

Leggi anche

Ad

Descrizione dell'immagine